Dipartimento di<br /> Ingegneria Civile, Edile e Ambientale<br /> dell'Università degli Studi di Napoli Federico II

Dipartimento di
Ingegneria Civile, Edile e Ambientale
dell'Università degli Studi di Napoli Federico II

  • 29.09.2017: Giornata di Studio ‘PROBLEMI E SOLUZIONI DI INGEGNERIA GEOTECNICA’ ...approfondisci
  • 13.09.2017: Avviso relativo all'acquisizione dei CFU nelle discipline antropo-psico-pedagogico e metodologie e tecnologie didattiche ...approfondisci
  • 11.09.2017: Bando Nazionale per premi di laurea sull'Ingegneria delle Dighe ...approfondisci
  • 05.09.2017: Calendario delle Presentazioni dei Corsi di Studio alle aspiranti Matricole ...approfondisci
  • 28.08.2017: Progetto Pilota “Paesaggio da tutti – Paesaggio per tutti” ...approfondisci
  • 11.07.2017: Università e ITS: l'intervista al Magnifico Rettore della Federico II del Sole24Ore ...approfondisci
  • 11.07.2017: INTERNATIONAL CONGRESS ON TRANSPORT INFRASTRUCTURE AND SYSTEMS APRIL 10/12, 2017: The Results ...approfondisci
  • 24.05.2017: L'Università muore di burocrazia ...approfondisci
  • 19.05.2017: XIX Indagine (2017) - Condizione occupazionale dei Laureati: gli ingegneri al top, dopo i medici, ad un anno dal titolo ...approfondisci
  • 12.05.2017: Il nostro Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale tra i Dipartimenti di eccellenza italiani, secondo ex equo in classifica ...approfondisci
  • Dicea
    corsi di studio
    Corsi di studio
    Ingegneria Edile

Coordinatore: Lia Maria Papa

Obiettivi
La Laurea triennale in Ingegneria Edile ha come obiettivo la formazione di una figura professionale con una buona conoscenza di base delle discipline fisico-matematiche, della rappresentazione e del rilievo, della storia dell’architettura, unitamente ad una buona capacità di conoscere e comprendere gli aspetti tipologici, strutturali e costruttivi degli organismi edilizi, in rapporto all’ambiente fisico, socio-economico e produttivo nel quale gli interventi edilizi si configurano e si realizzano. 

Competenze
I laureati nei corsi di laurea della classe devono:

-    conoscere adeguatamente gli aspetti analitici e conoscitivi relativi agli ambiti disciplinari del corso di studio seguito;
-    conoscere adeguatamente gli aspetti metodologico-operativi relativi agli ambiti disciplinari del corso di studio seguito ed essere in grado di utilizzarne gli specifici metodi, tecniche e strumenti;
-    conoscere adeguatamente gli aspetti riguardanti la fattibilità tecnica ed economica, il calcolo dei costi e il processo di produzione e di realizzazione dei manufatti edilizi e delle trasformazioni ambientali;
-    essere capaci di comunicare efficacemente, in forma scritta e orale, in almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre l'italiano.

I corsi di studio saranno orientati alla formazione delle seguenti figure professionali in grado di:
-    conoscere e comprendere i caratteri tipologici, funzionali, strutturali e tecnologici di un organismo edilizio nelle sue componenti materiali e costruttive, in rapporto al contesto fisico-ambientale, socio-economico e produttivo;
-    conoscere e comprendere un organismo edilizio, in rapporto alle sue origini e successive trasformazioni storiche ed al contesto insediativo di appartenenza, e di rilevarlo analizzando le caratteristiche dei materiali che lo compongono, le fasi e le tecniche storiche della sua costruzione e il regime statico delle strutture;
-   conoscere e comprendere i caratteri fisico-spaziali ed organizzativi di un contesto ambientale, nelle sue componenti naturali ed antropiche in rapporto alle trasformazioni storiche e al contesto socio-economico e territoriale di appartenenza;
-    conoscere e comprendere gli aspetti dell'ingegneria della sicurezza e della protezione delle costruzioni edili, in rapporto alle relative attività di prevenzione e di gestione.

Sbocchi professionali

L'ingegnere edile potrà trovare occupazione presso strutture, pubbliche o private, che si interessano dell’attività della costruzione e manutenzione degli organismi edilizi, degli insediamenti e delle infrastrutture, in relazione all’ambiente fisico, socio-economico e produttivo, quali:
-    Studi professionali e società di ingegneria;
-    Imprese di costruzione di opere edili;
-    Pubbliche Amministrazioni, come enti appaltanti o di controllo, tutela e valorizzazione;
-    Industrie di produzione e di componenti e sistemi per l’edilizia;
-    Uffici tecnici di Enti e Società pubbliche e private, proprietari e gestori di patrimoni immobiliari.
L’ingegnere edile potrà, altresì, interessarsi in modo autonomo delle fasi produttive e costruttive dell’organismo edilizio. Il corso prepara alle professioni di Ingegnere edile.

Prova finale

L'esame di laurea si riferisce alla prova finale prescritta per il conseguimento del relativo titolo accademico.
Per essere ammesso all'esame di laurea, lo studente deve avere acquisito tutti i crediti formativi previsti dal suo Piano di studio, tranne quelli relativi all'esame finale. Inoltre, è necessario che lo studente abbia adempiuto ai relativi obblighi amministrativi.
La laurea in Ingegneria Edile si consegue dopo aver superato una prova finale, consistente nella discussione di una relazione scritta che verte su attività di elaborazione o a carattere progettuale svolte nell'ambito di uno o più insegnamenti ovvero di attività di tirocinio. La relazione sarà predisposta dallo studente sotto la guida di un relatore.
Per lo svolgimento dell'elaborato di laurea il laureando potrà anche avvalersi di attività di tirocinio presso strutture pubbliche o private e di attività di laboratorio svolte presso strutture universitarie o private.

Link al documento RCR Laurea Edile 10.1.17

Link al sito web del Corso di Ingegneria Edile