Dipartimento di<br /> Ingegneria Civile, Edile e Ambientale<br /> dell'Università degli Studi di Napoli Federico II

Dipartimento di
Ingegneria Civile, Edile e Ambientale
dell'Università degli Studi di Napoli Federico II

  • 13.09.2017: Avviso relativo all'acquisizione dei CFU nelle discipline antropo-psico-pedagogico e metodologie e tecnologie didattiche ...approfondisci
  • 11.09.2017: Bando Nazionale per premi di laurea sull'Ingegneria delle Dighe ...approfondisci
  • 05.09.2017: Calendario delle Presentazioni dei Corsi di Studio alle aspiranti Matricole ...approfondisci
  • 28.08.2017: Progetto Pilota “Paesaggio da tutti – Paesaggio per tutti” ...approfondisci
  • 11.07.2017: Università e ITS: l'intervista al Magnifico Rettore della Federico II del Sole24Ore ...approfondisci
  • 11.07.2017: INTERNATIONAL CONGRESS ON TRANSPORT INFRASTRUCTURE AND SYSTEMS APRIL 10/12, 2017: The Results ...approfondisci
  • 24.05.2017: L'Università muore di burocrazia ...approfondisci
  • 19.05.2017: XIX Indagine (2017) - Condizione occupazionale dei Laureati: gli ingegneri al top, dopo i medici, ad un anno dal titolo ...approfondisci
  • 12.05.2017: Il nostro Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale tra i Dipartimenti di eccellenza italiani, secondo ex equo in classifica ...approfondisci
  • 01.03.2017: Certificazione Erasmus su Youthpass in pochi clic ...approfondisci
  • Dicea
    corsi di studio
    Corsi di studio
    Ingegneria Edile-Architettura (Quinquennali a ciclo unico)

Coordinatore: Francesco Polverino

Obiettivi
Il Corso di Laurea Magistrale quinquennale a ciclo unico in Ingegneria Edile-Architettura si propone di formare un profilo professionale di Ingegnere-Architetto caratterizzato dalla consapevolezza culturale e storico-critica, dalla padronanza degli strumenti e delle tecniche progettuali, dalla conoscenza delle soluzioni costruttive, esecutive e di gestione delle opere, con elevate competenze nei settori dell’architettura, dell’edilizia, e dell’urbanistica. Il patrimonio di conoscenze culturali e tecniche dell’Ingegnere Edile-Architetto è acquisito in un organico percorso didattico, sviluppato in cinque anni senza soluzione di continuità, sino al conseguimento della laurea magistrale.

Il Corso è a numero programmato e prevede l’accesso ad un massimo di cento allievi.
L’attività didattica si svolge presso il complesso della Scuola Politecnica e delle Scienze di Base dell’Università degli Studi di Napoli Federico II. Oltre alla didattica frontale sono svolte esercitazioni teoriche e pratiche nonché laboratori di progettazione che favoriscono il lavoro di gruppo e la costante interazione docente-allievo, incentivata anche attraverso attività di tutorato. 
Il percorso formativo prevede l’acquisizione di trecento Crediti Formativi Universitari (CFU).


Competenze
I laureati del Corso di laurea magistrale in Ingegneria edile-architettura [LM-4 c.u.] dovranno acquisire competenze 
orientate a:
˗ conoscere approfonditamente la storia dell'architettura, dell'edilizia, dell'urbanistica, del restauro architettonico e delle altre attività di trasformazione dell'ambiente e del territorio attinenti alle professioni relative all'architettura e all'ingegneria edile-architettura, in accordo con la direttiva 85/384/CEE e relative raccomandazioni;
˗ conoscere approfonditamente gli strumenti e le forme della rappresentazione, nonché gli aspetti teorico-scientifici e metodologico-operativi della matematica e delle altre scienze di base;
˗ conoscere approfonditamente gli aspetti teorico scientifici, metodologici ed operativi dell'architettura, dell'edilizia, dell'urbanistica e del restauro architettonico;
˗ avere conoscenze nel campo dell'organizzazione di imprese e aziende, dell'etica e della deontologia professionale;
˗ essere in grado di utilizzare fluentemente, in forma scritta e orale, almeno una lingua dell'Unione Europea oltre all'italiano, con riferimento anche ai lessici disciplinari;
˗ essere capaci di utilizzare le conoscenze acquisite per analizzare ed interpretare problemi complessi, che richiedono un approccio interdisciplinare.

Sbocchi professionali
L’ingegnere edile-architetto rientra tra le professioni intellettuali e scientifiche di elevata specializzazione (ISTAT ATECO 2007) riconosciute a livello della U.E. In base allo specifico percorso di studi e alle competenze acquisite, l’Ingegnere Edile-Architetto può operare nel campo della progettazione, della conservazione e del restauro alla scala edilizia così come alla scala urbanistica in relazione al contesto ambientale ed urbano. I laureati del CdS possono assumere anche ruoli decisionali ed operativi nell’ambito dell’organizzazione e della conduzione del cantiere edile. Inoltre, con competenza, sono in grado di interagire con gli enti e gli organismi di riferimento territoriali e di rapportarsi al mondo della produzione in opera e a quello dell’industria delle costruzioni. In tal senso, la figura dell’ingegnere edile-architetto è particolarmente richiesta dal mercato del lavoro per l’ampio orizzonte culturale e per la particolare capacità di approccio multidisciplinare al progetto d’architettura ed alle problematiche tecniche delle costruzioni edilizie. Esclusiva peculiarità dell’Ingegnere Edile-Architetto è la possibilità di potersi iscrivere sia all’albo dell’Ordine degli Ingegneri, con competenze nel campo dell’ingegneria (comprese le strutture complesse e la sismica), sia a quello degli Ordine Architetti con competenze nel campo dell’architettura (compresi gli interventi sui beni culturali tutelati).

Prova finale

Per il conseguimento del titolo di Ingegnere Edile-Architetto è necessario superare un esame finale che consiste nella presentazione e discussione di un progetto di architettura e/o urbanistica, attraverso il quale il candidato dimostri di avere acquisito oltre ad una specifica capacità progettuale anche la padronanza degli strumenti relativi alla fattibilità costruttiva dell’opera ideata, fino a poterne seguire con competenza la corretta esecuzione sotto il profilo estetico, funzionale e tecnico-economico, così come indicato nella direttiva 85/384/CEE concernente i diplomi, certificati e altri titoli che danno accesso, nell’Unione Europea, alle attività del settore dell’architettura.
Per essere ammesso all'esame di Laurea magistrale, lo studente deve avere acquisito tutti i crediti formativi previsti dal suo Piano di studio, tranne quelli relativi all'esame finale. Inoltre, è necessario che lo studente abbia adempiuto ai relativi obblighi amministrativi.
Il lavoro di laurea può anche essere redatto in lingua inglese. In tal caso ad esso deve essere allegato un estratto in lingua italiana. Al compimento degli studi viene conseguito il titolo di laureato magistrale in Ingegneria Edile-Architettura.

Il Link al Rapporto ciclico di Riesame Ingegneria Edile Architettura


Link al sito web del Corso di Ingegneria Edile-Architettura