Dipartimento di<br /> Ingegneria Civile, Edile e Ambientale<br /> dell'Università degli Studi di Napoli Federico II

Dipartimento di
Ingegneria Civile, Edile e Ambientale
dell'Università degli Studi di Napoli Federico II

  • 24.05.2017: L'Università muore di burocrazia ...approfondisci
  • 23.05.2017: Il simulatore di guida VERA ...approfondisci
  • 19.05.2017: XIX Indagine (2017) - Condizione occupazionale dei Laureati: gli ingegneri al top, dopo i medici, ad un anno dal titolo ...approfondisci
  • 12.05.2017: Il nostro Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Ambientale tra i Dipartimenti di eccellenza italiani, secondo ex equo in classifica ...approfondisci
  • 12.05.2017: La Consulta ritiene illeggittimi i parametri per l'assegnazione dei costi standard agli Atenei ...approfondisci
  • 11.05.2017: Dis-coll per assegnisti e dottorandi con borsa dal 30/06/17 ...approfondisci
  • 02.05.2017: Il rapporto pubblicato dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri: luci e ombre sulle classi di Laurea ...approfondisci
  • 26.04.2017: La mozione del Cun per la riforma delle classi di laurea ...approfondisci
  • 18.04.2017: Nuovi requisiti generali per l'accreditamento e la conseguente attivazione dei corsi di dottorato ...approfondisci
  • 01.03.2017: Certificazione Erasmus su Youthpass in pochi clic ...approfondisci
  • Dicea
    News
    News
    XIX Indagine (2017) - Condizione occupazionale dei Laureati: gli ingegneri al top, dopo i medici, ad un anno dal titolo

Data: 19/05/2017

La XIX Indagine, presentata al convegno "Università e skill nella seconda fase della globalizzazione" tenutosi all'Università di Parma il 16 maggio 2017, ha coinvolto complessivamente 620 mila laureati di 71 Atenei. Oltre a 262 mila laureati post-riforma del 2015 – sia di primo che di secondo livello – ad un anno dal termine degli studi universitari, sono stati intervistati tutti i laureati di secondo livello del 2013 (109 mila), contattati quindi a tre anni dal conseguimento del titolo e i colleghi del 2011 (103 mila) a cinque anni. Infine due indagini specifiche, consolidate oramai da anni, hanno indagato i laureati di primo livello del 2013 e del 2011 che non hanno proseguito la formazione universitaria (81 mila e 66 mila), contattati rispettivamente a tre e cinque anni dalla laurea.

Tutte le info al sito di Amalaurea